Spesso quando ci mettiamo davanti ai fornelli non sappiamo che esistono delle regole diverse per ogni tipo di cibo, conoscerle ci aiuterà ad esaltare le proprietà delle nostre pietanze!
Alcune vitamine sono sensibili al calore come per esempio la vitamina C (che arriva a perdersi fino al 70%), la B1 e l’acido folico, per cui sarebbe bene consumare gli alimenti ricchi di questa vitamina (peperoni, spinaci, cavolfiori, cavoli di Bruxelles) crudi in modo da evitare le perdite e favorire l’assorbimento (al massimo cucinarli per pochissimo tempo evitando le cotture prolungare).
Sono sensibili alla luce e all’ossigeno, per esempio la vitamina C e la A, per cui sarà bene conservare gli alimenti ricchi di vitamina A (frutta e verdura di colore giuallo-arancio) il più possibile lontano dalla luce e nel caso della vitamina C, che risulta essere la più sensibile dopo il taglio di frutta e verdura (è la più instabile nei processi di manipolazione), consumare quest’ultimi nel più breve tempo possibile.
Per le vitamine idrosolubili (le vitamine B, C ed F) bisogna fare attenzione al lavaggio, per cui sciacquare velocemente frutta e verdura perché minore è il contatto con l’acqua minore saranno le perdite. Per lo stesso motivo è bene mantenere l’alimento intero (non rimuovendo la buccia quando possibile) in modo faccia da protezione durante la cottura.
La cottura in acqua fa perdere la gran parte del contenuto di vitamine e minerali, per ridurre le perdite è bene cuocere le verdure in poca acqua e bollente e riutilizzare poi l’acqua di cottura in modo da recuperare quelli che sono i Sali Minerali disciolti. La cottura a vapore limita, invece, la perdita di vitamine e minerali poiché l’alimento non è a contatto con l’acqua.
Anche gli additivi possono favorire la perdita di vitamine come per esempio l’E222 o bisolfito di sodio partecipa alla perdita di vitamina B1. Vengono usati nel vino, nella birra e in altre bevande come i succhi di frutta, nella senape e in altri condimenti.

tipi-di-cottura

Consigli per evitare la degradazione delle vitamine

Comments

comments


Post navigation


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *