Immagine

Un modo per classificare gli alimenti è quello di dividerli in gruppi. La classificazione INRAN (Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione) prevede che in ogni gruppo gli alimenti presenti siano accumunati dal fatto di avere proprietà nutrizionali simili.  Scopriamoli insieme!

Il primo e il secondo gruppo comprendono alimenti di origine animale, che contengono quantità rilevanti di proteine nobili e vitamine del gruppo B. Gli alimenti del primo gruppo costituiscono la più importante fonte di ferro; il pesce in particolare fornisce anche acidi grassi, che costituiscono una valida protezione dalle malattie cardiovascolari.
Gli alimenti del secondo gruppo, ovvero latte e derivati, rappresentano una consistente fonte di calcio: i formaggi stagionati ne possono contenere anche più dell’1% (1.000- 1.200 mg ogni 100 gr).
Il terzo gruppo è costituito da patate, fecola e cereali (grano, riso, mais, farro, orzo) e dai loro derivati, quindi pane, pasta e polenta. Rappresentano la fonte principale di carboidrati complessi, forniscono vitamine del gruppo B e proteine a medio valore biologico.
Nei cereali non è presente la lisina, uno degli aminoacidi essenziali di cui invece sono ricchi i legumi, che appartengono al quarto gruppo: fagioli, lenticchie, fave, ceci e piselli. I legumi contengono un livello di proteine superiore a quello della carne e sono ricchi di ferro ma sono privi di aminoacidi solforati, di cui sono invece provvisti i cereali. I pasti a base di legumi e cereali assicurano, quindi, il completo apporto di aminoacidi.
Il quinto gruppo è costituito da grassi e oli, quindi burro, lardo, strutto, olio di oliva e di semi. Gli alimenti di questo gruppo forniscono lipidi, acidi grassi e vitamine liposolubili, ma sono ricchi anche di colesterolo, quindi
l’assunzione di oli e grassi deve essere limitata.
Il sesto e il settimo gruppo sono costituiti da frutta e verdura, entrambi fonte di sali minerali, vitamine e fibra.
Il sesto gruppo comprende frutta di colore gialloarancio gialloarancio (albicocche, meloni, carote) e verdura di colore verde scuro (spinaci, cicoria, insalata) ricchi di vitamina A, soprattutto beta-carotene.
Il settimo gruppo, che comprende i frutti aciduli (agrumi, fragole, kiwi, lamponi) e i vegetali a gemma (cavoli, broccoli) costituisce la principale fonte di vitamina C.

Tratto da: EDUCATIONAL CLINICA CASTELLI ALIMENTAZIONE Non mangiarti la salute!

Ad ogni gruppo di alimenti una proprietà nutrizionale!

Comments

comments


Post navigation


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *